Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

"Esaminando le Sacre Scritture"

In questa rubrica esamineremo, di volta in volta, un testo biblico.
Saremo lieti d'inviare, gratuitamente, una copia del Nuovo Testamento a quanti desiderano seguire questi studi. Basta fare la richiesta al nostro indirizzo.

Il battesimo di Gesù

Nel Vangelo di Marco, capitolo 1º, versetti da 9 a 13:

"Ed accadde in quei giorni che Gesù venne da Nazareth di Galilea e si fece battezzare da Giovanni nel Giordano.
E, appena risalito dall'acqua, vide aprirsi i cieli e lo Spirito, come colomba discendere su di lui. E venne una voce dal cielo: "Tu sei il mio diletto, in te mi sono compiaciuto".
E subito lo Spirito lo spinse nel deserto.
E rimase nel deserto quaranta giorni tentato da Satana.
E viveva con le fiere, e gli Angeli lo servivano"

Ecco Gesù che riceve il battesimo ed è tentato dal demonio. Che scopo ha per Gesù questo battesimo? Non è forse lui l'innocente, l'impeccabile, il Figlio di Dio? Sì lo è.
Ma ci dice l'apostolo Paolo: che non sperimentò il peccato, Iddio "lo fece per noi peccato, affinché noi in lui diventassimo giustizia di Dio".
Ossia, Cristo prese su di sé i nostri (i miei) peccati; fu fatto peccato, fu trattato come un peccatore, per farmi partecipare alla giustizia di Dio.
Collocandosi accanto ai ladri, ai briganti, dimostrando segni di ravvedimento come coloro che si facevano battezzare da Giovanni, egli mi dice che prende su di sé la mia colpa per portarla come mio rappresentante ed espiarla per me.

Con questo atteggiamento egli intende indicarmi in che cosa consiste e come si realizza il cambio di mente.
Esso consiste nell'intraprendere la lotta contro il peccato. Anche in questo egli si è fatto uno dei nostri: "Egli è stato tentato in ogni cosa", ma ha vinto.

Questi due fatti che presentano Gesù uomo, come uno di noi, umiliato e tentato, non devono farmi dimenticare la grande realtà che è Gesù: egli è il Figlio di Dio. Si è fatto uomo per essere mio fratello, per espiare il mio peccato, per insegnarmi a lottare contro Satana, contro il male.

Le parole lette nel Vangelo di Marco sono ricche di insegnamento per la mia vita. Gesù non ha avuto paura di presentarsi come penitente; non si è vergognato dei miei peccati, anzi li ha presi su di sé per espiarli, per liberarmi da essi, per dirmi che, se voglio essere suo, devo con lui lottare contro il male, contro Satana. Se voglio essere suo devo essere come lui e con lui.

Come abbiamo visto nella precedente numero, "ravvedermi" vuole dire rivolgermi sempre più verso Gesù, - che è continuamente rivolto verso il Padre -, per imitarlo, per trasformarmi sempre più in lui, per sentirmi dire dal Padre: "Anche costui è il mio figlio diletto".

Questa mia trasformazione la devo e la posso ottenere attraverso lo studio del Vangelo, per potere imitare il Cristo e farlo vivere nella mia vita.
Allora riuscirò a lottare, con lui e come lui, e a vincere come egli ha vinto. La vita di Gesù è una vita vittoriosa. Con Gesù anche la mia via può essere vittoriosa!

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati