Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Come rispondere

Domanda:

"Sono assillato frequentemente da visite di certe persone che tentano d'indurmi a leggere le loro pubblicazioni. La cosa non la ritengo utile per la mia cultura, ma essi insistono. Con la Bibbia vogliono dimostrarmi che bisogna diventare uno di loro. Ma sono stanco e desidero liberarmi da questa petulanza. A voi chiedo: Che cosa si dovrebbe dire a un "Testimone di Geova"? Grazie per eventuale risposta". A.N. - Nuoro.

Risposta:

Io richiamerei la Sua attenzione sul fatto che mai nessuno è diventato testimone di Geova solo leggendo la Bibbia, sebbene essi sostengano che la Bibbia sia il fondamento delle loro dottrine.
Se le persone giungono ad accettare tali dottrine non avviene certamente leggendo la Bibbia.
In effetti la Bibbia viene interpretata e "studiata" tramite le loro pubblicazioni delle quali la maggiore è la cosiddetta "Torre di Guardia".

In contrasto a tale realtà, molte persone hanno letto semplicemente la Bibbia, probabilmente mosse da profondo desiderio di conoscere così la verità e in tal modo divenire figliuoli di Dio nati di nuovo.

La "salvezza" non è qualcosa che si può guadagnare esplicando attività religiose in una chiesa e nemmeno come testimone di Geova.

La Bibbia afferma che la salvezza è un dono della Grazia di Dio non in ricompensa di opere, affinché nessuno abbia a gloriarsene.

Infatti l'apostolo Paolo, nella sua lettera ai cristiani della citt´┐Ż di Efeso, scrive:

"Poiché è per grazia che voi siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio" (Efesini 2:8).
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati