Prima Pagina Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

"PUNTUALIZZAZIONI"

Iniziamo la presente serie con brevi puntualizzazioni sulla Bibbia; un aiuto per quanti già la conoscono, oppure si accingono alla lettura della medesima.

Insoddisfazione (produttiva e improduttiva)

"Perché si lamenta la creatura vivente? L'uomo vive malgrado i suoi peccati! Esaminiamo la nostra condotta, valutiamola, e torniamo al Signore!" (Lamentazioni 3: 39-40).

Il mondo è colmo di lamenti. Sembra però che oggi tali lamenti siano come un'onda diluviale che straripa. La gente si lagna del tempo, l'uno mormora contro i vicini, l'altro si lamenta del governo, delle ristrettezze dei tempi attuali, sull'inflazione e la tassazione alta e - basta così.

Si cambia qualcosa brontolando? No, niente! Al contrario, questi lamenti e accuse creano un'atmosfera pesante e sconsolante che soffoca ogni crescita.

«Ciascuno si lamenti dei propri peccati!»
Siete disposti a seguire questo consiglio? L'esame di coscienza e la riconoscenza della propria colpa, che scaturisce in un'insoddisfazione produttiva, sono purtroppo "erbe rare" nei giardini di molte persone.
Questo genere di insoddisfazione, tuttavia, che scruta noi stessi, nel nostro profondo è necessaria affinché portiamo frutto.

Quando Lutero pubblicò le sue 95 tesi cominciò con le seguenti parole: "Il nostro Signore e Maestro Gesù Cristo che proclama "ravvedetevi", vuole che la vita di un cristiano sia una vita di continuo pentimento".

Dobbiamo riconoscere che la radice del male è la lontananza della nostra anima da Dio.
Dio deve entrare nella nostra vita. Visto che Dio ci ha afferrati, dobbiamo, a nostra volta, attaccarci sempre più a Lui.
Il nostro occhio deve diventare più accorto, la nostra coscienza deve diventare più sensibile nell'identificare tutto quello che può separarci da Lui.
In quel momento avverrà una trasformazione notevole in noi: una volta eravamo severi contro gli altri, e tolleranti verso noi stessi, ed ora invece siamo severi nei confronti dei nostri propri peccati, misericordiosi verso il prossimo, perché Dio ha avuto tanta pazienza con noi.

Una tale conversione a Dio non si svolge in un'ora, ma dura una vita intera.
L'apostolo Paolo conferma:

"Non che io abbia già ottenuto tutto questo o sia già arrivato alla perfezione, ma proseguo il cammino per cercare di afferrare ciò per cui sono anche stato afferrato da Cristo Gesù" (Filippesi 3:12).
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati