Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Una malattia strisciante

Sul mondo incombono terribili problemi.

  • È in corso una massiccia esplosione demografica; specie fra alcuni popoli della terra.
    All'inizio del terzo secolo vi è il doppio di bocche da sfamare rispetto al 1950. Aumentano di 210.000 al giorno: La morte per fame minaccia una parte sempre maggiore dell'umanità.

  • Il mondo stà esaurendo le riserve non solo di cibo ma anche di petrolio e di energia. L'età dell'abbondanza è finita e tuttavia l'Occidente continua nei suoi sperperi stravaganti.

  • L'aria, il suolo e le acque della terra subiscono continue devastazioni. Lo scarico di rifiuti radioattivi nel mare è soltanto uno dei modi con cui stiamo avvelenando l'ambiente per le generazioni future.

  • Le famiglie si dividono, causando sofferenze e dolore. Un matrimonio su tre fallisce.

  • Il tasso di criminalità in tutto il mondo stà crescendo con una rapidità terrificante. La nostra è un'epoca di violenza e di brutalità, quale il mondo non aveva mai visto!

Leonardo da Vinci rinunciò a realizzare la sua invenzione del sottomarino, scrisse che vi rinunciò "a causa della natura malvagia dell'uomo. Lo useremmo per commettere assassinii sul fondo del mare".

Aveva messo il dito sulla piaga del nostro problema:

la natura malvagia degli esseri umani.

Che cosa c'è di sbagliato nel mondo? "Me stesso", disse una volta un famoso uomo di lettere.

Naturalmente, se poniamo il problema a un uomo comune, ci sentiremo rispondere:
"Ma io non ho mai fatto del male a una mosca" -.
"Io non ho nessuna colpa" -.
"Io sono buono come quelli che vanno in chiesa ...".

Ma i veri cristiani non risponderanno così.
La fede cristiana non ha paura di dichiararsi una religione di salvezza. Ecco perché molte persone "rispettabili" non vogliono avere niente a che vedere con essa.

La Bibbia proclama che hanno colpe da scontare.
Il mondo è pieno di problemi e ogni vita individuale è piena di problemi.

Il cuore dell'uomo inganna più di ogni altra cosa: è incorreggibile, esclama il profeta Geremia -. "Chi può comprenderlo?" (Geremia 17:9).

Gesù stesso ci disse qualcosa di cruciale, qualcosa che dobbiamo riscoprire, dolorosamente, oggi.

Una maggiore educazione o una migliore assistenza metterebbero le cose a posto?
Oppure è colpa del "sistema"?
Allora cambiamo il sistema e tutto andrà a posto ...!
No, disse Gesù.
"Perché è dal cuore che vengono tutti i pensieri malvagi che portano al male: gli assassinii, i tradimenti tra marito e moglie, i peccati sessuali, i furti, le menzogne, gli insulti" (Matteo 15:19).

La colpa non risiede nelle stelle, ma in noi stessi. La "malattia umana" dell'egocentrismo può esserci fatale.

Avrete senz'altro visto l'edera avvinghiata intorno al tronco di un albero.
È una cosa triste. Un albero è una creatura vivente così forte e bella, e ci sembra che non dovrebbe mai soccombere a quegli insignificanti tentacoli che vi si arrampicano.
Ma l'edera è come una "malattia strisciante". Guardate come inizia: pallida, fragile, dall'aspetto innocente. Ma cresce. Rafforza la sua presa, nasconde la luce e l'aria, e infine strangola l'albero, uccidendolo.

L'effetto è molto simile a quello che ha su di noi la malattia che la Bibbia chiama peccato.

Siamo stati creati per essere grandi: siamo il capolavoro della creazione di Dio. Ma il peccato rovina tutto. "Chi pecca è schiavo del peccato", disse Gesù (Giovanni 8:34).

"Non riesco nemmeno a capire quello che faccio: non faccio quello che voglio, ma quello che odio ... Me infelice! Chi mi libererà?" grida l'apostolo Paolo (Romani 7:15,25).

"Il peccato ci ripaga con la morte" (Romani 6:25).

Tutto ciò è assai poco lusinghiero per una generazione che crede di essere la migliore. Ma è un'analisi reale, per quanto umiliante. Significa che abbiamo bisogno soprattutto di due cose:

* perdono per il caos in cui abbiamo gettato il nostro mondo e le nostre vite;

* un'autorità superiore alla nostra per liberarci, quella di nostro Signore Gesù Cristo!
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati