Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Hai ricevuto il messaggio?

Un uomo si era iscritto a un corso universitario di telepatia. Pagò la tassa d'iscrizione, passarono molte settimane, ma dall'università non ebbe alcuna notizia. Quando cercò di sapere il motivo del prolungato silenzio gli fu detto che nelle scorse settimane gli avevano inviato dei messaggi.
Rispose loro di non avere ricevuto alcun messaggio ed essi lo informarono che non aveva tratto alcun frutto dal corso.
Dal punto di vista spirituale possiamo trovarci anche noi in una spiacevole situazione come questa. Il Signore ci manda continuamente dei messaggi, che forse non siamo in grado di ricevere perché assorbiti dai nostri affari.

Per essere pronti a ricevere quello che il Signore vuole inviarci, dobbiamo mantenerci in attenta disponibilità.
In altre parole, dobbiamo ascoltare.
Ascoltare non significa semplicemente fare uso dell'udito; vuol dire mantenerci sempre in sintonia col Signore, essere disponibili con Dio.

La vita offre un incessante bombardamento di rumori e di confusione.
Telefono, televisione e radio invadono le nostre case.
Siamo riusciti a difendere il nostro equilibrio imparando ad eliminare molti di questi rumori. Col risultato che adesso udiamo molto, ma ascoltiamo poco.

Saper ascoltare è un'arte. Significa metterci il più possibile nei panni di chi ci sta parlando, cercando di captare i suoi sentimenti.
Ascoltare è essenziale alla corretta comunicazione e per stabilire delle relazioni interpersonali.
Un vecchio ma veritiero assioma afferma: "Non possiamo amare una persona che non conosciamo e non possiamo veramente conoscere una persona senza averla ascoltata".
C'è differenza tra il sapere qualcosa di una persona e conoscere una persona.
Soltanto ascoltando possiamo conoscere qualcuno come persona, le sue simpatie e le sue antipatie, la sua personalità e il suo carattere.
Una persona svela molto di sé, uomo o donna che sia, con la conversazione, l'atteggiamento e le azioni.
Solo quando queste persone ci sono familiari possiamo dire di conoscerle come tali.
Ciò contraddice l'espressione: "Amore a prima vista" perché prima di poter dire di amare una persona dobbiamo conoscerla.

È evidente che molti trascorrano la vita senza conoscere realmente Dio.
Dal punto di vista teologico possiamo essere bene informati su di Lui, ma abbiamo bisogno di conoscerLo anche come persona.
Per conoscere Dio come persona dobbiamo ascoltare ciò che Egli ci dice di sé stesso.
Il Signore ci invita ad andare a Lui per poterLo conoscere. Ecco il Suo invito:

"Aprite l'orecchio e venite a me: ascoltate e l'anima vostra vivrà" (Profeta Isaia 55:3).

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati