Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

La nuova creazione

Chi si è trovato nella condizione di dover dire: "Cominciamo da capo, per favore?" sà quanto attraente sia il pensiero di una nuova creazione. Essa si rivolge proprio ai desideri più intimi e sofferti: la disperazione nel sentirsi chiusi dentro vecchi modi di comportarsi, la stanchezza di una vita che è diventata senza significato, il ricordo di fallimenti e peccati del passato che si trascinano al presente, il profondo senso di vuoto.
"Ora faccio nuova ogni cosa", dice Dio nella visione dell'Apocalisse, ed è come se aprisse la porta per entrare in un altro mondo. È persino troppo bello per essere vero.

Nondimeno, questa è l'incredibile pretesa della Bibbia. Con la venuta di Gesù qualcosa di radicalmente nuovo è esploso sulla scena umana.
Egli ha detto che era come il vino nuovo che avrebbe fatto scoppiare i vecchi otri; come una pezza di stoffa nuova che strappa un vestito logoro; come l'acqua cambiata in vino.
Le folle abituate ad un insegnamento cauto e di scarso respiro venivano colpite dalla sua libertà e autorità. Egli capovolgeva sulle loro teste la saggezza tradizionale. Dopo la sua morte e risurrezione divenne chiaro che le forze del mondo nuovo che doveva venire erano entrate davvero in questo mondo vecchio.
La versione che dà Matteo della sofferenza e morte di Gesù indica che era accaduto qualcosa che scuoteva la terra tutta e dava vita. Gesù ha aperto "una nuova e vivente strada" fino alla presenza intima di Dio.

Il resto del Nuovo Testamento usa altre immagini: dalla morte alla vita; dalle tenebre alla luce; dalla schiavitù alla libertà.
L'apostolo Paolo era profondamente impressionato dalla trasformazione che avveniva quando Cristo afferrava qualcuno. "Se qualcuno è in Cristo ..., - potete quasi sentirlo pensare - può essere paragonato soltanto a una creatura completamente nuova". Ciò che Dio fece con il caos agli inizi, quando creò qualcosa di "bello" con la parola e lo spirito, ora lo compie negli individui.

"Nuovo" è la parola chiave di questa esperienza. Nel battesimo i convertiti la rompevano decisamente con la loro vita passata. Essi "sono morti" nell'acqua e sono "risorti" in Cristo per vivere in modo completamente nuovo. Avevano un canto nuovo da cantare e una nuova lingua da parlare.
Erano liberi dal vecchio modo di impegnarsi, senza farcela, nell'osservare la Legge o di seguire i "desideri della natura peccaminosa".
Erano parte in una nuova comunità, che superava confini di classe, razza, sesso, e cominciavano a vivere secondo il nuovo comandamento dell'amore.
Tutto questo era un cambiamento tale che sembrava giusto immaginarlo come un buttare via "l'uomo vecchio" ed essere "una nuova creatura". I cristiani erano gente completamente nata di nuovo!

È facile dare l'impressione che si ponesse fine a ogni problema. Ma per quanto Paolo non annacqui la sua immagine della "nuova creazione", riconosce che il vecchio uomo è ancora vivo e attivo.
Una parte essenziale del discorso che faceva alle persone a proposito del nuovo inizio da loro sperimentato era che sarebbero state capaci di diventare (in pratica) ciò che già erano (in Cristo).
Un nuovo atto di creazione aveva avuto luogo. Ora la nuova natura doveva rinnovarsi quotidianamente a immagine del suo Creatore. Questa era un'opera dello Spirito di Dio, ma anche l'individuo doveva fare la sua parte. Quando Paolo scrive dell'azione di Dio in una nuova persona, quasi sempre fa seguire indicazioni concrete e specifiche sul modo di vivere.

"Nuova ogni cosa". Il racconto della Bibbia si estende dalla prima creazione fino a quella definitiva. Un giorno Dio creerà un nuovo cielo e una nuova terra sui resti di quanto è vecchio. L'universo creato verrà liberato dalla sua attuale condizione di decadimento e frustrazione. La morte, il pianto, il lutto e il dolore verranno distrutti. Il vecchio ordine verrà spazzato via.
Che cosa comporti tale nuova creazione è al di là di ogni immaginazione, ma l'autore dell'Apocalisse è sicuro che la cosa più importante al riguardo è che Dio sarà al centro di tutto. "Cominciamo di nuovo per favore". "Amen. Vieni, Signore Gesù!".

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati