Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Ritorno a Gerusalemme

L'evangelista Luca narra l'episodio della scomparsa di Gesù dopo la visita a Gerusalemme di Giuseppe e Maria, dicendo: "... e si misero a cercarlo fra i parenti e, non avendolo trovato, tornarono a Gerusalemme. Facendone ricerca" (Luca 2:44-45).

Nella varia e festosa carovana partita dalla Gran Città molti credevano che Gesù fosse in mezzo a loro. Anche i genitori lo credevano in uno dei carri.
Ma Gesù non era con essi. Fu necessario ripercorrere a ritroso le tappe del già lungo viaggio e domandare di Gesù. Nessuna notizia.
Lo ritrovarono alla tappa iniziale, in mezzo ai dottori del tempio, mentre discuteva e insegnava. E ricominciarono il viaggio, con Gesù.

La piccola carovana della Cristianità, partita da Gerusalemme circa duemila anni or sono, si è ingrossata, nel cammino, di variopinti e chiassosi "carri", provenienti dalle più diverse direzioni.
Abbiamo dato un'occhiata in ogni "carro", ma non abbiamo trovato Gesù, il Maestro.

L'assenza di Gesù ci ha preoccupati. Ci siamo sentiti smarriti, soli. E abbiamo dato l'allarme, abbiamo fatto sapere a tutti che occorreva tornare indietro, alla ricerca di Gesù.

Qualche "carro" si è mosso, altri hanno continuato nel loro cammino. Ma ad un certo momento siamo rimasti soli, ma non abbiamo perduto la speranza di trovare Gesù. E lo abbiamo alfine ritrovato, in Gerusalemme, e abbiamo ripreso il viaggio con lui; e ci siamo sentiti sicuri, forti. Non c'interessano gli altri carri. Quello che importa e di aver trovato Gesù.

Da tutti i pulpiti si elevano vibranti appelli all'unità, alla fusione di tutte le forze che compongono "la carovana dello spirito". Invano. Si sente dire che così non può continuare, che occorre essere insieme, superare uniti ogni ostacolo.
Ebbene noi torniamo a lanciare l'allarme della scomparsa di Gesù.
Torniamo a ripetere che Gesù è assente dalle istituzioni umane, che non è sufficiente chiamarlo "Signore", "Signore", ma occorre fare la sua volontà, obbedirlo in tutto, anche nelle minime cose.
Torniamo a indicare Gerusalemme come il luogo dove fare delle proficue ricerche del Salvatore e della salvezza. E' a Gerusalemme il carro con Gesù!

Rinsavite, allegre comitive, e unitevi con noi nel viaggio di "ritorno a Gerusalemme".
Ritorno al rispetto della Parola di Dio, alla gelosia della verità, alla organizzazione neo-testamentaria, alla semplicità del culto primitivo, alla fratellanza sincera, al semplice piano divino di salvezza.
Torniamo a chiamarci soltanto Cristiani, rigettando ogni forma umana di dottrina.

A Gerusalemme troveremo la Chiesa. Se ancora un minimo di obbiettività esiste nelle nostre coscienze, dobbiamo riconoscere che la strada sin qui battuta non è la strada voluta da Cristo.
Ci troviamo in un labirinto di dottrine, da cui solo una grande forza di volontà potrà farci uscire.
Il settarismo è opera della carne, l'unità in Cristo è volere divino.
Unità in Cristo, abbiamo detto. Unità in dottrina, in organizzazione, in carità. "V'è un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo, un Dio unico e padre di tutti, che è sopra tutti, fra tutti e in tutti (L'apostolo Paolo in Efesini 4:4-6).

Quando avremo abbandonati i vari "carri" e ci saremo uniti nella grande famiglia del Signore, il mondo ci potrà guardare senza deridere e allora crederà.
Non è un uomo a dire queste cose, è Gesù stesso, nella sua preghiera sacerdotale: "Che siano tutti uno; che come tu, o Padre, sei in me ed io sono in te, anch'essi siano uno in noi. affinché il mondo creda che tu mi hai mandato" (Giovanni 17:20-21).

"Torniamo", dunque, a Gerusalemme e prendiamo Gesù con noi. Ed egli crescerà dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini.
Uomini di buona volontà che amate il Signore, unitevi alla Chiesa di Cristo che si propone di ripartire da Gerusalemme con Gesù, di combattere il buon combattimento della fede, di ristabilire la primitiva semplicità dottrinale del Nuovo Testamento e di conservare l'unità dello Spirito coi vincoli della pace. "Il Signore è vicino" (Paolo ai Filippesi 4: 6).

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati