Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Astrologia e scienza

Quasi l'80% degli italiani conosce il proprio segno astrologico, con le relative implicazioni caratteriali e di destino. Lo ha accertato la "Doxa" con una ricerca effettuata qualche anno fa.

Se diamo un'occhiata alle cifre notiamo che il lettore regolare dell'oroscopo è un uomo nel 27% dei casi e una donna nel 73%.
Il 55% dei lettori abituali è compreso in una fascia di età che và dai 15 ai 34 anni. Il 27% è di media età, mentre il restante 18% ha più di 54 anni.

Altri dati interessanti: il 39% ha frequentato solo la scuola elementare, il 38% quella dell'obbligo e il 23% ha fatto anche una scuola superiore o l'università.

L'astrologia è ormai entrata in milioni di case.
Secondo alcune stime nella sola Italia gli astrologi sarebbero oltre 2.000, con un giro di affari valutato intorno ai 40 miliardi di lire annue. Ma la realtà è molto superiore a queste cifre: si calcola infatti che siano oltre 6.000 le persone che in Italia esercitano questa attività a tempo pieno, oltre a quelle che lo svolgono per hobby.

Recentemente, per lo meno ai fini fiscali, veggenti, cartomanti, astrologi, ecc. hanno ottenuto la qualifica di "liberi professionisti". Inoltre già da qualche anno è stata inoltrata una proposta di legge per la istituzione di un albo professionale dei "consulenti operatori" del settore.

Come si sà, le statistiche, per accurate che siano, non possono mai dare l'effettivo quadro della situazione. Anzi, talvolta, come nel caso dell'astrologia, si resta perplessi di fronte a "dati" che appaiono contraddittori.
La realtà emergente ed inconfutabile dimostra che ormai l'astrologia è diventata una psicosi maniacale e migliaia di astuti truffatori cercano di approfittare al massimo di questa manìa.




Quale dovrebbe essere il nostro atteggiamento di fronte all'astrologia?.

A prescindere dall'essere credenti o meno, dal credere o meno a quanto la Bibbia insegna contro l'astrologia, LA COSA PIÙ INTELLIGENTE DA FARE È RISPONDERE OBIETTIVAMENTE ALLA DOMANDA:

LA SCIENZA COSA DICE DELL'ASTROLOGIA?

  1. L'ERRORE TOLEMAICO.
    Le scoperte astronomiche di Nicolò Copernico hanno confutato pienamente l'errore tolemaico sul quale tutto il sistema astrologico da cui si traggono i pronostici e gli oroscopi ANCORA OGGI SI BASA!
    Tolomeo (II secolo d.C.), aveva elaborato il suo zodiaco e tutti i suoi calcoli BASANDOSI sull'assunto che la terra FOSSE IL CENTRO dell'universo. Egli diceva che il Sole, la Luna e cinque pianeti orbitavano ATTORNO ALLA TERRA ed esercitavano su di essa "i loro poteri", determinando in tal modo il destino di ogni essere umano.
    Con l'avvento della nozione scientifica "copernicana", che la terra È SOLTANTO UNO DEI TANTI pianeti che ruotano ATTORNO AL SOLE (cioè: esattamente il contrario della tesi di Tolomeo!).
    È DIMOSTRATO che l'astrologia moderna, basata su di un errore antico, è priva di ogni credibilità non avendo alcuna attendibilità scientifica.
  2. L'ASTROLOGIA CLAMOROSAMENTE SMENTITA DALLA SCIENZA.

    1. Nessun astronomo contesta l'influsso del Sole o della Luna su un insieme di fenomeni ben noti come le maree, la meteorologia e qualsiasi scienza biologica o climatologica; ma si tratta di percezioni sensibili, CHE POSSONO ESSERE MISURATE ED INTERPRETATE RAZIONALMENTE.

      Esse non hanno niente di confrontabile con quelle che si pretende siano provocate dai pianeti, ai quali l'astrologia conferisce una funzione di primaria importanza.
      Gli scienziati dicono: "Perché ammettere l'influsso dei pianeti E NON INTERESSARSI DI QUELLO DELLE STELLE visibili ad occhio nudo? Se l'influsso c'è realmente, perché quello dei pianeti dovrebbe essere maggiore di quello delle stelle?

      Inoltre, con quale diritto si attribuisce a tale pianeta un influsso malefico e a tal altro un influsso benefico?

      Quando si attribuiscono a Marte o a Venere cattivi o buoni influssi, SI ESCE DAL CAMPO DELLA SCIENZA per entrare in quello della mitologia.

      Bisognerebbe dunque avere l'onestà di riconoscerlo.

    2. Dato che l'astrologo sfugge a questa importante ammissione, la Scienza non gli risparmia le critiche.
      Pierre Bouvier, astronomo ginevrino, scrive:
      "L'astrologia NON POGGIA su alcuna base scientifica; caratterizzata da una confusione di valori, appare filosoficamente INDIFENDIBILE. È, allora, un'arte? Non credo, perché un'arte SUPPONE CONOSCENZE RAGIONATE, anziché un ammasso di ipotesi gratuite; inoltre, l'attribuzione di un certo influsso psichico a un certo astro non soddisfa alcuna necessità estetica universale".

    3. Un'altra critica verte sull'applicazione stessa della legge analogica.
      Uno dei moti della Terra, chiamato "PRECESSIONE DEGLI EQUINOZI", fa retrocedere questi ultimi in ragione di cinquanta secondi ogni anno. Ora, i valori IN USO nell'astrologia SONO ANCORA QUELLI di oltre duemila anni fa, quando il movimento di "precessione", in quello spazio di tempo, HA SPOSTATO di quasi una posizione OGNI SEGNO dell'oroscopo.

      In altre parole: una persona nata sotto il segno del Sagittario secondo l'astrologo, È INVECE NATA sotto il segno dello Scorpione secondo l'astronomo!

      Quindi, così conclude la critica scientifica:
      "L'astrologia era una credenza di natura religiosa in un periodo in cui erano stati DEIFICATI i pianeti. Non ha mai cambiato "natura; i suoi praticanti fanno capo NON ALLA SCIENZA ma alla cosiddetta attività sacerdotale".

    4. Un'altra critica alla divinazione in generale potrebbe essere fatta sul METODO DI ANALISI. Perché, supponendo che la legge di analogia abbia un fondo di verità, QUALSIASI DIVINAZIONE MEDIANTE UN MEZZO DI APPOGGIO - (posizione degli astri, linee della mano, tarocchi, giochi di carte, fondi di caffè) RICHIEDEREBBE un lavoro di studi, di riflessioni, di confronti, di deduzioni, di calcolo delle probabilità, quindi in sintesi, CHE POTREBBE RICHIEDERE giorni, addirittura settimane di lavoro. E TUTTAVIA le conclusioni alle quali si arriverebbe NON SAREBBERO MAI DELLE CERTEZZE.

      Vale a dire, una volta di più, LA VANITÀ degli oroscopi pubblicati dalla stampa e divulgata dalla televisione, quella, non meno grande, delle predizioni di indovini i quali, IN UN QUARTO D'ORA (se non addirittura in 5 minuti!) fra gli stand di una fiera o l'anticamera stipata di clienti, vi fanno un gioco di carte, vi esaminano e vi rivelano l'avvenire immediato e lontano.

      Quindi è chiaro che - e dobbiamo dirlo senza mezzi termini - l'astrologia è una miniera d'oro che ciarlatani eloquenti e gente priva di scrupoli sfrutta a danno degli ingenui, dei superstiziosi, di coloro che non hanno una esatta conoscenza di Dio e della Sua Parola.



L'ASTROLOGIA A CONFRONTO CON LE SACRE SCRITTURE..

Cercare consiglio e soccorso altrove che non nell'unico Dio, secondo le espressioni dell'Antico e del Nuovo Testamento, EQUIVALE a rivolgersi agli idoli, ai falsi dèi, alle "forze spirituali della malvagità che operano anche attraverso i vari sistemi astrologici.
E proprio per evitarci i rischi di cui sopra, con le loro gravi conseguenze, LA BIBBIA VIETA QUALSIASI PRATICA DIVINATORIA e qualsiasi relazione con quanti praticano l'astrologia.

Vale proprio la pena di rimettere sotto gli occhi dei nostri lettori, i testi più significativi che nella Bibbia trattano questo argomento.

  1. Deuteronomio 18:9-15
    "Quando sarai entrato nel paese che l'Eterno, l'Iddio tuo, ti dà, non imparerai ad imitare le abominazioni delle nazioni che sono quivi. Non si trovi in mezzo a te chi faccia passare il suo figliuolo o la sua figliuola per il fuoco, né chi eserciti la divinazione, né pronosticatore, né àugure, né mago, né incantatore, né chi consulti gli spiriti, né chi dica la buona fortuna, né negromante; perché chiunque fa queste cose è in abominio all'Eterno; e, a motivo di queste abominazioni, l'Eterno, il tuo Dio, stà per cacciare quelle nazioni d'innanzi a te. Tu sarai integro verso l'Eterno, l'Iddio tuo; poiché quelle nazioni, del cui paese vai ad impossessarti, danno ascolto ai pronosticatori e agli indovini; ma, quanto a te, l'Eterno, il tuo Dio, ha disposto altrimenti".
  2. Levitico 20:27
    Se un uomo o una donna ha uno spirito o indovina, dovranno essere messi a morte.

  3. Isaia 8:19
    Se vi si dice: 'Consultate quelli che evocano gli spiriti e gli indovini, quelli che sussurrano e bisbigliano', rispondete: 'un popolo non deve esso consultare il suo Dio?

  4. Geremia 2:7-8
    ... ma voi, quando siete entrati, avete contaminato il mio paese e avete fatto della mia eredità un'abominazione. I sacerdoti non hanno detto: 'Dov'è l'Eterno?', i depositari della legge non mi hanno conosciuto, i pastori mi sono stati infedeli, i profeti hanno profetato nel nome di Baal, e sono andati dietro a cose che non giovano a nulla.

  5. 2Re 17:15-18
    ... andarono dietro a cose vacue ... alle nazioni circonvicine, che l'Eterno aveva loro proibito di imitare ... adorarono tutto l'esercito del cielo ... si applicarono alla divinazione e agli incantesimi ... Perciò l'Eterno si adirò fortemente contro Israele, e lo allontanò dalla Sua presenza ....

  6. Geremia 7:33 - 8:3
    E i cadaveri di questo popolo serviranno di pasto agli uccelli del cielo e alle bestie della terra ... il paese sarà una desolazione ... Si trarranno ... le ossa e le si esporranno dinanzi al sole, dinanzi alla luna e dinanzi a tutto l'esercito del cielo, i quali essi hanno amato, hanno servito, hanno seguìto, hanno consultato, e dinanzi ai quali si sono prostrati ... saranno come letame sulla faccia della terra. E la morte sarà preferibile alla vita per tutto il residuo ... di questa razza malvagia ...".

    QUESTA TERRIBILE SANZIONE riguarda non soltanto gli astrologi e gli indovini, MA ANCHE COLORO che li vanno a consultare:

  7. Levitico 19:31
    Non vi rivolgete agli spiriti né agli indovini; non li consultate, per non contaminarvi per mezzo di loro. Io sono l'Eterno, l'Iddio vostro.

  8. Levitico 20:6
    E se qualche persona si volge agli spiriti e agli indovini per prostituirsi dietro a loro, io volgerò la mia faccia contro quella persona, e la sterminerò di fra il suo popolo.

CONCLUSIONE

Così la Parola di Dio ci lascia senza illusioni: l'astrologia, o divinazione che dir si voglia, ci pone inesorabilmente alla dipendenza delle potenze "celesti", che l'apostolo Paolo in Efesini 6:12, chiama: "le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti ...".

Ricercare la loro comunione, i loro consigli, equivale a sottomettersi volontariamente alla loro autorità; è come ascoltare la voce "dell'antico serpente" (Genesi 3:3-5); equivale dunque a perpetuare l'atteggiamento di rivolta che ha gettato questo mondo nell'asservimento satanico. Equivale a volerlo mantenere, in contrasto con la volontà divina (Luca 1:74).

Astrologia o magia, insegnate o praticate, fanno dell'uomo, a sua insaputa, un succube di Satana. E, cosa molto più grave, fanno del Cristiano, al quale è stata data la Luce dell'Evangelo UN TRADITORE, un rinnegato, uno di coloro di cui la Parola di Dio dice:

Meglio sarebbe stato per loro non aver conosciuto la via della giustizia, che, dopo averla conosciuta voltar le spalle al santo comandamento che era stato loro dato. È avvenuto di loro quello che dice con verità il proverbio: "Il cane è tornato al suo vomito" e: "la troia lavata è tornata a voltolarsi nel fango" (2Pietro 2:22).

L'astrologia favorisce un concetto "deterministico" della vita umana, CHE ESCLUDE DIO, come se tutto dipendesse da una potenza diversa dalla Sua. Difatti, al Suo posto sono messe le stelle.
Ma il vero Cristiano sà che l'istante REALMENTE DECISIVO della sua vita È QUELLO DELLA "NUOVA NASCITA", la quale, essendo il risultato della libera iniziativa divina e dell'adesione del cuore dell'uomo, sfugge del tutto al "determinismo" (anche quello astrale), qualora esistesse!


A questo punto terminiamo LA QUARTA PARTE dell'argomento in oggetto.
Se interessati potete visionare e scaricare le seguenti schede a complemento:
"Astrologia e Antico Testamento"; "Astrologia e profeti"; "Astrologia e Oroscopo Biblico".

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati