Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Natale (non è il 25 dicembre)

Nota introduttiva.

Secondo un�antica tradizione, Gesù Cristo sarebbe nato il 25 dicembre; ma la Storia e la Bibbia documentano che ciò non è sostenibile. Infatti soltanto dopo qualche secolo nella chiesa venne scelta e poi imposta una data attribuita alla nascita del Redentore.

"Questa scelta avvenne nel IV secolo, quando i pagani cominciarono ad entrare in massa e senza conversione nella chiesa; essi solevano, in Egitto, nella Caldea e in Roma specialmente, fare una grande festa il 25 dicembre in onore del solstizio d�inverno, del sole redivivo o come dicevano i latini: "Natalis Invicti Solis"; sicché non fecero che cambiare il nome del "Dio" festeggiato e seguitarono ad avere la loro festa detta "NATALIS"" (T.Gay in Ars. Ant. e più particolareggiato: Bihlmeyer-Tuechle in "Storia della Chiesa", vol. I, pag.139 - Ed. Morcelliana).

È IL 25 DICEMBRE IL GIORNO NATALE DI CRISTO?

Il Vangelo ... risponde:

1) - La Chiesa Cattolica celebra il Natale di Cristo durante un mese invernale, avendone fissata la data il 25 dicembre dell'anno 754 di Roma.

A - CRISTO NON È NATO NELL'ANNO 754 DI ROMA!

Matteo 2:12-16:

Poi, essendo stati divinamente avvertiti in sogno di non ripassare da Erode, per altra via tornarono al loro paese. Partiti che furono, ecco un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: Alzati, prendi il fanciullino e sua madre, e fuggi in Egitto, e stà quivi finche io non te lo dica; perché Erode cercherà il fanciullino per farlo morire. Egli dunque, alzatosi, prese di notte il fanciullino e sua madre, e si ritirò in Egitto; ed ivi stette fino alla morte di Erode, affinché si adempiesse quello che fu detto dal Signore per mezzo del profeta: "Fuori d'Egitto chiamai il mio figliuolo".
Allora Erode, vedutosi beffato dai magi, si adirò gravemente, e mandò ad uccidere tutti i maschi che erano in Betleem e in tutto il suo territorio dall'età di due anni in giù, secondo il tempo del quale si era esattamente informato dai magi".

Nota:

Quando Re Erode il "Grande" ordina la strage dei bambini di Betlemme, Gesù doveva essere già nato da almeno 2 anni. Ciò risulta dal testo biblico. Dai documenti storici risulta che Erode morì durante la primavera dell'anno 750 di Roma.
Quindi Gesù nacque almeno 2 anni PRIMA che Erode morisse, cioè nel 748 (circa) e NON NEL 754!


B - CRISTO NON È NATO IL 25 DICEMBRE!

1 - Luca 2:1-7:

In quei giorni avvenne che un decreto uscì da parte di Cesare Augusto, che si facesse un censimento di tutto l'impero. Questo censimento fu il primo fatto mentre Quirinio governava la Siria. E tutti andavano a farsi registrare, ciascuno alla sua città.
Anche Giuseppe salì di Galilea, dalla città di Nazaret, in Giudea, alla città di Davide, chiamata Betleem, perché era della casa e famiglia di Davide, a farsi registrare con Maria sua sposa, che era incinta. E avvenne che, mentre erano quivi, si compié per lei il tempo del parto; ed ella diede alla luce il suo figliuolo primogenito, e lo fasciò, e lo pose a giacere in una mangiatoia, perché non vi era posto per loro nell'albergo.

Nota:

Il fatto che Gesù nacque durante un censimento, SI OPPONE alla tesi della Sua nascita nel mese di dicembre.
Infatti i censimenti dei tempi antichi venivano indetti sempre nelle stagioni più propizie agli spostamenti delle masse popolari verso i luoghi d'origine, e questo anche per usufruire delle migliori condizioni di viabilità e di pernottamento all'aperto. Pertanto è quasi impossibile che il censimento durante il quale nacque Gesù, sia avvenuto in dicembre, mese rigido ANCHE IN ORIENTE, e durante il quale talvolta nevica.


2 - Luca 2:8-18:

In quella medesima contrada vi erano dei pastori che stavano nei campi e facevano di notte la guardia al loro gregge. E un angelo del Signore si presentò ad essi e la gloria del Signore risplendé intorno a loro, e temettero di gran timore. E l'angelo disse loro: Non temete, perché ecco, vi reco il buon annunzio di una grande allegrezza che tutto il popolo avrà: Oggi, nella città di Davide, vi è nato un Salvatore, che è Cristo, il Signore. E questo vi servirà di segno: troverete un bambino fasciato e coricato in una mangiatoia.
E ad un tratto vi fu con l'angelo una moltitudine dell'esercito celeste, che lodava Iddio e diceva: Gloria a Dio nei luoghi altissimi, pace in terra fra gli uomini che Egli gradisce!
E avvenne che quando gli angeli se ne furono andati da loro verso il cielo, i pastori presero a dire tra loro: Passiamo fino a Betleem e vediamo questo che è avvenuto, e che il Signore ci ha fatto sapere. E andarono in fretta, e trovarono Maria e Giuseppe ed il bambino giacente nella mangiatoia; e vedutolo, divulgarono quello che era loro stato detto di quel bambino. E tutti quelli che li udirono si maravigliarono delle cose dette loro dai pastori.

Nota:

L'annunzio angelico ai pastori si verificò mentre costoro, di notte, vegliavano il gregge. Ora, per quanto il clima invernale possa essere più mite in Oriente, MAI DURANTE LE NOTTI DI DICEMBRE è possibile lasciare greggi o armenti all'aperto, COME invece AVVENNE nella notte in cui nacque Gesù.
Pertanto, sia la Storia profana come quella sacra sono contro la tradizione cattolica che, per opportunismo politico, ha voluto assorbire DAL PAGANESIMO quella che un tempo fu la maggiore festa pagana del "Sole Invitto" (che appunto si festeggiava il 25 dicembre!), trasformandola in festa "cristiana", come, del resto, è avvenuto per molte altre cose nel Cattolicesimo.


3 - Galati 4:8-11:

In quel tempo, è vero, non avendo conoscenza di Dio, voi avete servito a quelli che per natura non sono dèi; ma ora che avete conosciuto Dio, o piuttosto che siete stati conosciuti da Dio, come mai vi rivolgete di nuovo ai deboli e poveri elementi, ai quali volete di bel nuovo ricominciare a servire? Voi osservate giorni e mesi e stagioni ed anni. Io temo, quanto a voi, di essermi invano affaticato per voi.

Nota:

Il Vangelo non cita la data di nascita di Gesù, anzi biasima quanti si danno al "culto" di date, come usavano i pagani che, in tali ricorrenze vedevano soltanto un motivo per sfogare la sensualità in gozzoviglie, orgie ed altre simili cose. Il vero "Natale" per i credenti non deve essere una data "storica" relegata nel tempo, bensì un evento spirituale che si rinnova nel cuore dell'uomo il quale, CONVERTENDOSI A DIO, FA NASCERE COSÌ CRISTO NELLA PROPRIA VITA.
Questo è il solo, vero, unico NATALE di cui tutto il Vangelo parla!


INTERROGATIVO:

Perché il Vangelo non riporta la data della nascita di Cristo?

UN MOTIVO di questo "silenzio" può essere ravvisato nel fatto che tutta la Bibbia insegna a non imitare i pagani nelle loro pratiche religiose. Festeggiare la data di nascita e un uso di origine prettamente pagana.
UN ALTRO MOTIVO potrebbe essere la previsione che la "data" di nascita poteva offuscare il "fatto". Questo si può intuire dalla constatazione che gli Evangeli, mentre documentano con ricchezza di particolari "COME" e "DOVE" Gesù nacque, NULLA DICONO circa il giorno della Sua nascita.

Quando l'apostolo Paolo, qualche anno più tardi, parla della nascita di Cristo, si riferirà alla "data" definendola come "LA PIENEZZA DEI TEMPI" (Galati 4:4).

Ma se questo "silenzio" era nel disegno di Dio, gli uomini non lo hanno rispettato, COSÌ OGGI POSSIAMO VEDERE COME SI TENDE A FESTEGGIARE LA "DATA", PIUTTOSTO CHE IL "FATTO"!

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati