Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Come la cerva

Dai Salmi 42-43:

"Come la cerva agogna i rivi delle acque, così l'anima mia agogna te, o Dio. L'anima mia è assetata di Dio, dell'Iddio vivente.
Quando verrò e comparirò al cospetto di Dio?
Le mie lacrime sono diventate il mio cibo giorno e notte, da che mi van dicendo del continuo: Dov'è il tuo Dio? Non posso non ricordare con profonda commozione il tempo in cui procedevo con la folla e la guidavo alla casa di Dio, tra i canti di giubilo e di lode di una moltitudine in festa.

Perché t'abbatti, anima mia? Perché ti commuovi in me? Spera in Dio, perché io lo celebrerò ancora; egli ì la mia salvezza e il mio Dio.

Manda la tua luce e la tua verità; mi guidino mi conducano al monte della tua santità. Allora andrò all'altare di Dio, all'Iddio, che è la mia allegrezza ed il mio giubilo; e ti celebrerò o Dio, Dio mio!

Perché t'abbatti, anima mia? Perché ti commuovi in me? Spera in Dio, perché lo celebrerò ancora; egli è la mia salvezza e il mio Dio."

* * * * * *

Quando, grazie a Dio ed ai medici i quali ti hanno curato, sarai guarito e tornerai nella tua famiglia, ti ricorderai della tua comunità che ti attende e si rallegra di rivederti e tu sarai lieto di poter unire la tua voce al canto dell'assemblea.

Il tuo canto sarà un canto di lode e di gratitudine a Dio; la tua presenza nell'assemblea sarà un atto di fede in Colui nel quale tu credi e speri.

A questo riguardo, la malattia è per molti un tempo di riflessione; purtroppo, ai pentimenti ed alle promesse, non sempre seguono decisioni nuove ed una nuova ubbidienza. Eppure, non soltanto la Comunità cristiana ha bisogno di te, ma tu stesso hai bisogno dei tuoi fratelli, delle tue sorelle, per non sentirti isolato e per dare alla tua vita quotidiana il respiro della fede, della preghiera, della speranza cristiana.

L'ora che trascorrerai in meditazione davanti a Dio ti sottrarrà all'agitazione di ogni giorno; ti porrà di fronte alle cose vere della vita e ti aiuterà a ritrovare te stesso in presenza del Signore.
Gesù Cristo ha una parola anche per te ed è bene che tu lo ascolti.

C'è un tempo di raccoglimento e di adorazione per tutti i credenti. Sappi apprezzare quel tempo come "la cerva che agogna i rivi delle acque". Dopo aver sofferto, conoscerai la gioia del canto e della preghiera in comunione con i tuoi fratelli in fede.

L'apostolo Paolo ci esorta a cantare "di cuore a Dio, sotto l'impulso della grazia, salmi, inni e cantici spirituali" e ci ammonisce in questi termini:

"La parola di Cristo abiti in voi doviziosamente; ammaestrandovi ed ammonendovi gli uni gli altri con ogni sapienza" (Colossesi 3:16-17).
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati