Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Come stai?

Da quanti giorni sei a letto?

Sono certo che in questo tempo, sia lungo che breve, ti sarai chiesto tante volte: "Cosa ho fatto per meritare tale sorte? Perché io e non gli altri? Perché questa prova improvvisa che colpisce alla cieca. Non è giusto!".

E forse hai anche pensato: "In fin dei conti sono una brava persona, non ho fatto mai male a nessuno, eppure eccomi inchiodato in un letto dalla malattia e dalla sofferenza. Mi ritrovo solo col mio male, tagliato fuori dagli altri e soprattutto da coloro che amo. Chi mi può capire?".

L'atmosfera dove sei è tutta particolare; non hai niente in comune con i tuoi compagni di camera; niente, se non la malattia. Forse prima eri una persona dinamica, importante; ora sei solo un numero di letto e dipendi totalmente dal personale ospedaliero che, pur essendo efficiente è così distante e sovraccarico di lavoro!

Sicuramente in certi momenti ti sarai chiesto: "Se c'è veramente un Dio, perché c'è la sofferenza? Vorrei poter comprendere ed uscire dalla mia situazione. Ma lamentarsi non serve a nulla.
Alcuni pensano che la disgrazia e la malattia servano a qualcosa, ma l'utilità c'è?
C'è un senso in tutto questo?

Il perché dei mali ci sfugge. Per molti è solo "fatalità"; per altri "è il corso normale della vita"; per altri ancora la colpa è solo della "società".
Solo uscendo dalla prova che ci schiaccia possiamo apprezzare i grandi valori della vita.

La CHIAVE per uscire da questo stato è di vincere la malattia.
La guarigione è sempre una vittoria sul male e Dio ti domanda di dargli fiducia e di fronteggiare la prova con tutte le forze che ti restano. I dottori e gli infermieri ti curano, aiutali più che puoi.
Vivere in pace ed in buona salute: questa è la volontà di Dio per noi uomini e questo la Bibbia ce lo dice più volte.

Per questa ragione, quando Gesù è venuto sulla terra è andato di luogo in luogo, facendo del bene e guarendo tutti coloro che erano sotto il dominio delle infermità, poiché Dio era con Lui (Atti 10:38).

Nei Vangeli troviamo che Gesù ha fatto più miracoli che discorsi. Oggi Gesù non è cambiato:

Egli è lo stesso di ieri e, come afferma la Bibbia, lo sarà anche domani e in eterno.

Quando era sulla terra Gesù amava i malati e li guariva; ma anche ora Egli vuole renderli sani di corpo e di spirito.

La Bibbia dice: "La preghiera della fede salverà il malato, e il Signore lo ristabilirà; e se egli ha commesso dei peccati gli saranno rimessi". (Giacomo 5:15).

Tu hai bisogno di essere ristabilito fisicamente ma anche spiritualmente.

Tu che leggi queste righe; cristiano o non cristiano, credente o no, voglio dirti che se è vero che la sofferenza attacca tutti gli uomini, è pur vero che l'amore di Dio è per tutti gli uomini.
Senz'altro avrai molto tempo ancora da vivere, ma è certo che un giorno - volente o nolente - morirai anche tu, come tutti.
La malattia ce lo ricorda con spavento, e ci spinge a regolare i nostri conti con Dio, con il nostro Dio che è pronto ad accoglierci.

Grazie al Signore, c'è Gesù che ottiene per noi il perdono con la morte che ha subìto sulla croce al nostro posto. Egli ha pagato per noi.

DiciamoGli quindi tutto senza timore.
Non c'è altro mezzo per essere completamente perdonati e liberati.

Questo messaggio che ti facciamo giungere non è una combinazione. Dio ti ama e ti cerca.
Vuole il tuo bene. È soprattutto questo che tu devi credere ed accettare.

Lasciati amare da Dio: la Sua potenza e presenza ti terranno nella pace.
E questo è molto più che una semplice "religione".

Gesù ha detto: "Io sono con voi tutti i giorni" (Matteo 28:20).

Egli è con te durante le medicazioni, le cure e l'eventuale intervento chirurgico. Se tu glielo chiedi Egli sarà vicino a te durante le lunghe notti, nella solitudine, nel dolore.

L'Apostolo Paolo ha detto da parte di Gesù: "Non siate ansiosi di nulla, ma in ogni cosa siano le vostre richieste rese note a Dio" (Lettera ai Filippesi 4:6).

Dio ti è stato presentato con tutto il Suo desiderio di farti del bene. Ora tocca a te prendere una decisione.
Quando avrai un momento di serenità e tranquillità, parlaGli.
MettiGli nelle mani la tua debolezza, lascia che ti ami.
Prenderà tutta la tua situazione nelle Sue mani. Insieme a Gesù, non soltanto uscirai dalla prova, ma questo tempo difficile avrà segnato per te l'inizio di una vita nuova.

Ti consiglio di approfittare del tempo che devi ancora passare a letto per conoscere meglio Gesù e il Suo messaggio oggi indirizzato personalmente a te!
Per aiutarti potrei inviarti gratuitamente un breve studio sulla Parola di Dio.

Scrivici o telefonaci. In tale attesa noi resteremo in preghiera per te.

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati