Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Una freccia inaspettata

Un venditore di Bibbie aveva installato il suo banchetto sulla piazza del mercato. Accanto a lui, una persona anziana vendeva degli articoli di merceria. La gente passava, accettava un opuscolo, ascoltava la lettura di brani del Vangelo; ma nessuno si fermò per comprare una Bibbia. L'uomo non ne vendette alcuna in tutta la mattinata.

La merciaia aveva osservato bene il fatto. Alla fine del mercato, si accostò al vicino e gli disse: "Lei si è affaticato tutta la mattina, ha perso la sua voce leggendo il Vangelo con tono alto con la speranza di suscitare interesse di qualche eventuale compratore. Si è prodigato nel dire belle e buone parole, ma non ha venduto niente. Ha perso il suo tempo!
"Vuole che le dica che cosa ha ostacolato il suo lavoro? È quella scritta che ha messo in alto, sopra il banco, che dice: 'Ravvedetevi e credete al Vangelo' (Marco 1:15). Ecco che cosa fa scappare la gente. Di che cosa vuole che si pentano? Dio è buono e perdonerà i nostri peccati".

Il venditore guardò la donna e disse:
"Signora, io vedo con quale forza questo testo della Parola di Dio parla alla sua coscienza. Non cerchi di sbarazzarsi di questo messaggio divino che lei interpreta come un'accusa, ma questa è la sola strada per venire o, ritornare a Dio".

La merciaia si mise a piangere, dicendo: "Io sono stata allevata da genitori pii, molto religiosi; ho ricevuto un insegnamento cristiano solido. Ma per tutta la mia gioventù sono andata nel mondo per vivere come mi pareva e mi sono sviata. Ho sprecato la mia esistenza, non sono che un relitto".

Commosso il venditore di Bibbie le ripeté l'invito del Dio d'amore: "Sì, si ravveda e creda all'Evangelo, creda a Dio che ha dato il suo unico Figlio per lei".

L'uomo non aveva venduto nulla in tutta la mattinata, ma il Maestro Divino lo aveva posto là per ricondurre sul cammino del pentimento e della salvezza una pecora smarrita!

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati