Prima Pagina Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

"AI PIEDI DEL MAESTRO"

Il nostro Maestro è Gesù!
E questa dichiarazione non viene dagli apostoli.
Essa viene direttamente da Cristo, che appunto disse: "UNO SOLO È IL VOSTRO MAESTRO". Lo disse ed ebbe il diritto di dirlo. I discepoli, che vissero con Lui, riconobbero che Egli era il Maestro per eccellenza: "Signore, a chi ce ne andremmo noi? Tu hai parole di vita eterna" (Giovanni 6:68).

Anche noi, che siamo stati e siamo tuttora alla scuola del Vangelo, possiamo dire, parafrasando quanto Gesù disse di sé "Uno solo è il nostro Maestro": LUI!

Gesù è la porta

Gesù ha detto: "Io sono la porta; se uno entra per me, sarà salvato".

La porta è una cosa comunissima, e tutti sanno che questa parola indica un ingresso, e anche una chiusura. Per la porta si entra sempre in un luogo talvolta chiuso e recintato, oppure molto esteso, vastissimo come un grande parco o un giardino pubblico o, come si usava anticamente, anche in una città.

Gesù ha detto: "Io sono la porta, se alcuno entra per me, sarà salvato".
Gesù è l'unico ingresso per entrare nella Vita, Egli è la Porta della salvezza eterna.
Chi entrerà tramite Gesù sarà salvato. In Lui vi è perdono, conforto, forza, vigore; tutto ciò che è necessario al mantenimento della vita in senso assoluto.

Gesù è la vera essenza della vita; in Lui viviamo, ci muoviamo e abbiamo la nostra esistenza; senza di Lui non esistiamo, perché Egli è la Vita di tutto l'Universo, in Lui tutte le cose fatte sono state fatte, essendone l'essenza.

Perciò, amici lettori, fate in modo di entrare ogni giorno per quella "Porta", non fermatevi sulla soglia, oltrepassatela, e vi troverete sempre in un luogo di grande bellezza e di grande abbondanza; Cristo vi sazierà delle Sue delizie, e vi sentirete ristorati, perdonati, liberati da ogni legame, vi sentirete inondati di beni spirituali che potrete, a vostra volta, distribuire al vostro prossimo, e così far parte agli altri dei doni ricevuti da Cristo.

Ecco il dolce invito che Gesù rivolge continuamente a chi legge la Sua Parola: "Venite, entrate per me, che sono la Porta, entrate, e la vostra vita sarà totalmente trasformata e sarete salvati per l'eternità".

Nel Vangelo di Giovanni, al capitolo 15, trascriviamo le seguenti bellissime parole di Gesù: "Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiuolo. Ogni tralcio che in me non dà frutto, egli lo toglie via; e ogni tralcio che dà frutto, lo rimonda affinché ne dia di più. Voi siete già puri a causa della parola che vi ho annunziata. Dimorate in me, e io dimorerò in voi. Come il tralcio non può da sé dare frutto se non rimane nella vite, così neppure voi, se non dimorate in me. Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché senza di me non potete fare nulla. Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quello che volete e vi sarà fatto".

Questo dolce appello è rivolto a tutti quelli che desiderano conoscere Gesù Cristo.
Fanno riflettere in modo particolare le parole: "Senza di me non potete fare nulla". Ed è veramente così. Gesù è il motore della vita. Senza di Lui, nessuna cosa creata è stata fatta. In Lui noi viviamo, ci muoviamo e siamo.

Egli è morto proprio per salvarci tutti, per darci la vita, la vera vita che non avrà mai fine.

"Dimorate in me, e io dimorerò in voi" ha detto Gesù.
Che cosa meravigliosa sapere che Cristo, la Verità, dimora in noi!
Cari amici, non sentite un ardente desiderio di essere liberati da ogni peso, da ogni legame, e sentirvi liberi e felici?

Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati