Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

La pace interiore

Nella Sacra Scrittura la parola "pace" ha un significato ampio e profondo.
La pace è l'esistenza piena, prosperosa, tranquilla, che Dio dona come una delle più squisite espressioni della Sua bontà.

Quando i profeti parlavano di pace miravano esplicitamente alla pace tra i popoli; e noi sappiamo quanto una tale pace sia oggi necessaria e quanta strada ci sia da percorrere prima che essa diventi veramente il frutto della giustizia.

Tuttavia c'è una pace interiore, che non dipende prima di tutto dalla tranquillità esterna. Anzi, quando c'è prosperità e benessere siamo sempre tentati di essere insoddisfatti, agitati, vittime dei nostri egoismi e delle nostre vanità.

Abbiamo bisogno di calma e di pace interiore, tanto nei giorni della prosperità come in quelli della distretta e della infermità.

Quanto è necessario che Dio ci conservi quella pace: una profonda fiducia in Lui, al di là di ogni avvenimento terreno, un senso di calma profonda in mezzo alle agitazioni del nostro tempo, la gioia del Suo perdono, la forza di sperare al di là di ogni umana previsione!

La promessa di Dio è valida per ognuno di noi. Infatti il profeta dice:

"A colui che è fermo nei suoi sentimenti tu conservi la pace, la pace, perché in te confida" (Isaia 26:3).

La pace di cui abbiamo bisogno all'alba, nel pomeriggio e sul tramonto della nostra giornata terrena, non viene dagli uomini né dalla loro natura umana facilmente ottimista o pessimista.
Essa affonda le sue radici nella fede e in una visione cristiana della vita. L'apostolo Paolo dice:

"Rallegratevi del continuo nel Signore. La vostra mansuetudine sia nota a tutti gli uomini. Il Signore è vicino. Non siate con ansietà solleciti di cosa alcuna; ma in ogni cosa siano le vostre richieste rese note a Dio in preghiera e supplicazione con azioni di grazie. E la pace di Dio, che sopravanza ogni intelligenza, guarderà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù" (Filippesi 4:4-7).

Ci siano di esortazione le certezze affermate nelle Sacre Scritture dalle quali scegliamo quanto segue.

Dal libro di Isaia, cap. 26:

"A colui che è fermo nei suoi sentimenti tu conservi la pace, la pace, perché in te confida. Confida in perpetuo nell'Eterno, poiché l'Eterno, sì l'Eterno, è la roccia dei secoli.
La via del giusto è diritta; tu rendi perfettamente piano il sentiero del giusto. Sulla via dei tuoi giudizi, o Eterno, noi ti abbiamo aspettato! Al tuo nome, al tuo ricordo anela l'anima nostra. Con l'anima mia ti desidero, durante la notte; con lo spirito che è dentro di me, ti cerco; poiché, quando i tuoi giudizi si compiono sulla terra, gli abitanti del mondo imparano la giustizia.
O Eterno, tu ci darai la pace; poiché ogni opera nostra sei tu che la compi per noi".

Dal Salmo 62:

"L'anima mia si acquieta in Dio solo; da lui viene la mia salvezza. Egli solo è la mia rocca e la mia salvezza, il mio alto ricetto; io non sarò grandemente smosso. Anima mia, acquetati in Dio solo, poiché da lui viene la mia speranza. Egli solo è la mia rocca e la mia salvezza. In Dio è la mia salvezza e la mia gloria; la mia forte rocca e il mio rifugio sono in Dio".
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati