Rubriche mensili In questo mese... Vivere in Cristo Allo Specchio

Per ogni giorno

La vita ci pone ogni giorno di fronte a nuovi doveri ed a nuove esperienze. Nell'ora della prova si aspira naturalmente alla salute e si apprezza tutto ciò che essa ci permette di fare. D'altra parte, quando si stà bene, è facile non essere contenti e non avere l'animo in pace.
Ciò dipende dalla nostra ingratitudine, dal nostro cruccio, dalle nostre invidie.

Giovanni Calvino morì all'età di appena 55 anni, dopo un lungo tormento fisico. Si era consacrato totalmente alla riforma della Chiesa in una intensa e multiforme attività. In una preghiera del mattino egli diceva così:

"Mio Dio, mio Padre e mio Salvatore, poiché hai voluto conservarmi, mediante la Tua grazia, durante la notte e fino all'alba di questo nuovo giorno, fà che io possa impiegarlo totalmente al tuo servizio, onde non mi accada di pensare, di dire o di fare alcuna cosa che non ti sia gradita o che non sia sottomessa alla tua volontà, affinché tutti i miei atti siano destinati alla Tua gloria ed alla salvezza dei miei fratelli.
O Signore, fà che pur lavorando per il mio corpo e per la vita presente, io innalzi l'anima mia alla vita celeste e beata che Tu tieni in serbo per i tuoi figli.
Sii il protettore della mia anima e del mio corpo contro tutte le tentazioni di Satana e liberami dai pericoli che mi minacciano del continuo. E poiché a nulla serve incominciare, se non si persevera, ti supplico, o Dio, di condurmi e di guidarmi non soltanto in questo giorno, ma fino al termine della mia vita".

* * * * *

Dovremmo noi pure ripetere queste parole in ogni giorno della nostra vita, mettendo in pratica l'esortazione del Salmista che dice:

"Non ti crucciare a cagione dei malvagi; non portare invidia a quelli che operano perversamente; perché saranno di subito falciati come il fieno, e appassiranno come l'erba verde.
Confidati nell'Eterno e fà il bene; abita il paese e coltiva la fedeltà.
Prendi il tuo diletto nell'Eterno, ed egli ti darà quel che il tuo cuore domanda.
Rimetti la tua sorte nell'Eterno; confidati in lui, ed egli opererà.
Egli farà risplendere la tua giustizia come la luce, e il tuo diritto come il mezzodì.
Stà in silenzio dinanzi all'Eterno, e aspettalo; non ti crucciare per colui che prospera nella sua via, per l'uomo che riesce nei suoi malvagi disegni. Cessa dall'ira e lascia lo sdegno; non crucciarti; ciò non conduce che al mal fare.

Meglio vale il poco del giusto che l'abbondanza di molti empi. Perché le braccia degli empi saranno rotte; ma l'Eterno sostiene i giusti. L'Eterno conosce i giorni degli uomini integri; e la loro eredità durerà in perpetuo.

Ritratti dal male e fà il bene; poiché l'Eterno ama la giustizia e non abbandona i suoi fedeli.
La bocca del giusto proferisce sapienza e la sua lingua pronunzia giustizia. La legge del suo Dio è nel suo cuore; i suoi passi non vacilleranno.
La salvezza dei giusti procede dall'Eterno; Egli è la loro fortezza nel tempo della distretta".
(Dal Salmo 37).
Chiesa di Cristo - Ferrara © , Diritti Riservati